(ANSA) – ROMA, 12 APR – Il presidente dell’Associazione Nazionale Autorita’ e Enti di Ambito (Anea), Luciano Baggiani, definisce un ”doppione inutile” la figura del commissario per le reti idriche proposta, tramite emendamento, per il disegno di legge Bersani sulle liberalizzazioni, all’esame della Camera. ”Quella del commissario straordinario per le reti idriche con compiti di verifica sulle gare – spiega Baggiani – e’ una proposta che rischia di sovrapporsi al Coviri, organo tecnico gia’ esistente anche con funzioni di verifica della conformita’ alla legge degli affidamenti”. Secondo il presidente dell’associazione di rappresentanza degli enti di ambito, e’ necessario non confondere la forma di gestione con la natura del bene acqua, ”risorsa definita per legge pubblica e per sua natura fuori da ogni forma di mercificazione economica”. Ancora piu’ importante, per Baggiani, risulta la messa a punto di un efficace sistema pubblico di regolazione che consenta di tutelare nel tempo il cittadino dal gestore monopolista, di ”un meccanismo che assicuri un’organizzazione industriale ed efficiente del sistema e consenta la remunerazione dei finanziamenti necessari ad adeguare infrastrutture e livelli di servizio”.

(ANSA). I72-VR 12-APR-07 18:48

 

One comment

Comments are closed.