Roma, 16 gen. (Adnkronos) – L’autorita’ per l’acqua “e’ un falso problema, piuttosto e’ urgente e necessario costruire un sistema per
la misurazione omogenea delle prestazioni e della qualita’ del  servizio idrico integrato, chi lo governa e’ secondario e cioe’  l’Authority o il Coviri”. Lo ha dichiarato il presidente del Comitato  per la Vigilanza sull’uso delle risorse idriche (Coviri) Roberto  Passino, replicando e, allo stesso tempo, condividendo alcune esigenze evidenziate dal presidente dell’Anea Luciano Baggiani al convegno dell’associazione in corso al Palazzo dell’Informazione di Piazza Mastai a Roma.

Quanto ai costi del servizio idrico per i consumatori Passino  ritiene che sia “necessario spendere per avere l’acqua, magari rinunciando a qualche gelato” anche se la distribuzione del costo va  rivista: “occorre protegge le fasce piu’ deboli”, afferma.

Passino ha quindi precisato che quando il “sistema e’  inefficiente l’obiettivo e miglioralo ma e’ ininfluente che la  gestione sia pubblica o privata. Piuttosto va corretto il modello  degli Ato che e’ sbagliato”. Il presidente del Coviri ha infine detto  che si sta “lavorando duramente con l’Anea a un sistema omogeneo di  rendicontazione e alle innovazioni normative”.

(Arm/Gs/Adnkronos)
16-GEN-08 13:21

One comment

Comments are closed.